NEW

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Il colesterolo alto è una condizione di cui preoccuparsi seriamente in quanto, specialmente in chi è più avanti con l’età. Questo può comportare diverse patologie, alcune anche gravi, come l’arteriosclerosi o diverse patologie cardiache. Cambiare stile di vita in uno...

Refezione scolastica ? Si, grazie!

In particolare in età pediatrica errori od eccessi alimentari hanno effetti non solo immediati sull’accrescimento del bambino ma anche sul “programming” endocrino-metabolico dell’individuo, condizionandolo quindi per tutta la vita. Ogni trattamento dietoterapico sarà...

Sale iodato negli alimenti? Si, grazie!

Oltre il 60% di tutto il sale venduto nel nostro Paese è iodato. I bambini di Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sicilia ne assumono a sufficienza con l'alimentazione. In tutte queste Regioni (ad eccezione ancora delle Marche) il gozzo in età scolare può dirsi...

Fegato grasso

Fegato grasso. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è diventata la malattia epatica più comune tra i bambini con una maggiore prevalenza tra gli obesi. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), un problema emergente di salute pubblica nei paesi ad alto, basso e...

NON È VERO CHE l’ACQUA…

Non è vero che l’acqua debba essere bevuta al di fuori dei pasti. Non è vero che l'acqua... Quando si beve una quantità eccessiva di acqua nel corso del pasto il massimo che può succedere è che, per una diluizione dei succhi gastrici, si allunghino di un poco i tempi...

Fattori modificabili del sovrappeso

L'attuale aumento della frequenza del sovrappeso e dell'obesità nella popolazione pediatrica pone rischi significativi per la salute ed è una sfida per la salute pubblica.

L’eziologia dell’obesità è multifattoriale e poligenica e, poiché al momento non esiste un trattamento curativo, la prevenzione è fondamentale.

Pertanto, sappiamo che lo sviluppo o la persistenza del sovrappeso comporta l’interazione di diversi fattori di rischio metabolico, psicosociale o ambientale.

Non c’è dubbio che uno stile di vita sano e le abitudini alimentari siano cambiate con la globalizzazione.

Le diete basate su alimenti altamente trasformati, la mancanza di attività fisica, la privazione del sonno e i progressi tecnologici che hanno portato a un maggiore utilizzo dei dispositivi elettronici hanno plasmato una nuova realtà.

È importante tenere presente che i periodi più sensibili o più a rischio per lo sviluppo del sovrappeso sono il primo anno di vita e l’adolescenza, quando gli individui acquisiscono abitudini per tutta la vita: secondo l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), 4 bambini obesi su 5 continueranno ad essere obesi in età adulta.

Gli obiettivi principali di queste strategie mirate sono ridurre la morbilità e la mortalità, aumentare la qualità della vita e ridurre i costi sanitari associati.

Il determinante più forte per lo sviluppo di un eccesso ponderale è stata la percezione da parte dei genitori del peso corporeo dei bambini, poiché è probabile che i genitori non prendano misure per combattere il sovrappeso se non sono consapevoli della sua presenza.

La letteratura mostra che le percezioni dei genitori sullo stato di peso dei propri figli sono generalmente imprecise e studi condotti in Spagna hanno rilevato che tra il 50% e il 60% dei genitori non è a conoscenza della presenza di una condizione di obesità nei propri figli.

Data la tendenza generale a sottovalutare il sovrappeso e l’obesità, le strategie di intervento dovrebbero essere adeguate, a partire dall’inclusione delle famiglie.

La seconda dimensione più influente individuata nel nostro studio è stata quella composta da item riguardanti l’ambiente sociale e scolastico.

Ci sono prove che la qualità delle relazioni con i coetanei, la capacità di fare amicizia, l’esperienza di bullismo o la capacità di lavorare in gruppo sono associate allo sviluppo di sovrappeso e che i bambini obesi hanno meno autostima e punteggi più bassi in scale di qualità della vita.

Gli adolescenti trascorrono un terzo del loro tempo a scuola, il che rende quest’ultimo uno dei contesti modificabili che possono avere il maggiore impatto.

Tutto quanto sopra richiede lo sviluppo di strategie multidimensionali che coinvolgano, tra gli altri gruppi, il personale docente, poiché la creazione di un ambiente confortevole e piacevole per gli studenti potrebbe produrre importanti benefici per la salute.

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono state il terzo fattore associato, poiché gran parte delle ore dedicate all’apprendimento, alla comunicazione interpersonale e al tempo libero oggi sono trascorse davanti a uno schermo, quindi i risultati su questa dimensione non sono stati sorprendenti, poiché la maggior parte di questo tempo è speso a scapito dell’attività fisica.

Per quanto riguarda l’alimentazione, la globalizzazione e i cambiamenti nei ritmi della vita quotidiana nella società attuale hanno avuto un impatto sostanziale e negativo su un’alimentazione sana.

Obesità: si assiste ad un progressivo abbandono dei modelli alimentari tradizionali, con un aumento del consumo eccessivo di alimenti trasformati ipercalorici a basso valore nutritivo.

Fonte:

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2341287921001277?via%3Dihub

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!