Partner

Sindrome del vomito ciclico nel bambino

Sindrome del vomito ciclico nel bambino

Sindrome del vomito ciclico nel bambino

A cura del prof. Giorgio Pitzalis

Si ritiene che i disturbi funzionali gastrointestinali colpiscano dal 10% al 40% dei bambini. 

Sindrome del vomito ciclico nel bambino. Questi disturbi includono: 

  • rigurgito
  • coliche
  • dischezia
  • sindrome del vomito ciclico (CVS)
  • emicranie addominali
  • ruminazione
  • vomito funzionale
  • costipazione funzionale
  • diarrea funzionale
  • dispepsia funzionale
  • sindrome dell’intestino irritabile (IBS)
  • aerofagia
  • costipazione cronica e sindrome della ruminazione.

Queste malattie e disturbi sono difficili da diagnosticare, poiché sono disponibili pochi test diagnostici oggettivi e chiari e la diagnosi si basa su sintomi soggettivi e sull’interpretazione di un medico esperto che utilizza i Criteri di Roma IV

Questi disturbi non solo rappresentano una sfida da diagnosticare, ma rappresentano anche una sfida per il trattamento.

La sindrome del vomito ciclico, a volte definita vomito funzionale o emicrania addominale, è caratterizzata da cicli di vomito intenso e incessante seguiti da periodi di benessere generale.

Secondo i Criteri di Roma IV, la CVS dovrebbe essere presa in considerazione se un bambino ha avuto almeno 5 attacchi di vomito in un qualsiasi intervallo di tempo o 3 attacchi in un periodo di 6 mesi.
Questi attacchi episodici potrebbero durare da 1 ora a 10 giorni e si verificano ad almeno 1 settimana di distanza l’uno dall’altro con un ritorno al valore basale tra gli episodi.
Oltre al vomito, molti pazienti manifestano anche:

  • pallore
  • svogliatezza
  • anoressia
  • nausea
  • dolore addominale
  • mal di testa e fotofobia.

Questi episodi possono avere molti fattori scatenanti che variano da bambino a bambino, ma includono stress, eccitazione, cambiamento nella routine e talvolta ciclo mestruale negli adolescenti e negli adulti. Inoltre, la CVS può avere un crossover con molte altre condizioni come emicrania, disturbi mitocondriali, disfunzione autonomica (o disautonomia) e uso di cannabinoidi.

È importante che i medici assistano i pazienti pediatrici e i loro caregiver nello sviluppo di un piano di trattamento con terapie farmacologiche e non farmacologiche che possano essere utilizzate per guidare la terapia di un attacco acuto di CVS. 

Questo piano di assistenza dovrebbe essere costruito sulla base di terapie che hanno funzionato bene per interrompere precedenti attacchi di CVS in passato e avere un approccio graduale di terapie da iniziare a casa, quando rivolgersi al medico e terapie che dovrebbero essere somministrate quando si arriva in una struttura ospedaliera (Dipartimento di Emergenza). 

Anche i farmacologi possono svolgere un ruolo importante nella comprensione dell’eziologia sottostante e dei fattori scatenanti della CVS, e aiutare a sviluppare un piano di cura personalizzato per ogni singolo paziente può aiutare a guidare la terapia e a interrompere rapidamente gli episodi di CVS.

Fonte:
https://doi.org/10.5863/1551-6776-27.1.12

TI POTREBBERO INTERESSARE...

logo_ped_famiglia

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui