NEW

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Il colesterolo alto è una condizione di cui preoccuparsi seriamente in quanto, specialmente in chi è più avanti con l’età. Questo può comportare diverse patologie, alcune anche gravi, come l’arteriosclerosi o diverse patologie cardiache. Cambiare stile di vita in uno...

Refezione scolastica ? Si, grazie!

In particolare in età pediatrica errori od eccessi alimentari hanno effetti non solo immediati sull’accrescimento del bambino ma anche sul “programming” endocrino-metabolico dell’individuo, condizionandolo quindi per tutta la vita. Ogni trattamento dietoterapico sarà...

Sale iodato negli alimenti? Si, grazie!

Oltre il 60% di tutto il sale venduto nel nostro Paese è iodato. I bambini di Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sicilia ne assumono a sufficienza con l'alimentazione. In tutte queste Regioni (ad eccezione ancora delle Marche) il gozzo in età scolare può dirsi...

Fegato grasso

Fegato grasso. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è diventata la malattia epatica più comune tra i bambini con una maggiore prevalenza tra gli obesi. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), un problema emergente di salute pubblica nei paesi ad alto, basso e...

NON È VERO CHE l’ACQUA…

Non è vero che l’acqua debba essere bevuta al di fuori dei pasti. Non è vero che l'acqua... Quando si beve una quantità eccessiva di acqua nel corso del pasto il massimo che può succedere è che, per una diluizione dei succhi gastrici, si allunghino di un poco i tempi...

La dieta del post-Covid-19

All'inizio della pandemia di coronavirus (COVID-19), gli sforzi globali si sono concentrati sul contenimento della diffusione del virus e sull'evitamento del contagio.

La dieta del post-Covid-19, Attualmente, è evidente che gli operatori sanitari dovrebbero occuparsi dello stato di salute generale dei sopravvissuti al COVID-19.

Infatti, nuovi risultati hanno identificato la sindrome post-COVID-19, che è caratterizzata da malnutrizione, perdita di massa magra e infiammazione di basso grado.

Inoltre, il recupero potrebbe essere complicato da una compromissione funzionale persistente (ad es. affaticamento e debolezza muscolare, disfagia, perdita di appetito e alterazioni del gusto/odore) nonché da disagio psicologico.

Al di là degli effetti sui polmoni, c’è ora una crescente conoscenza dell’interazione tra metabolismo cellulare e infezione virale, che causa effetti deleteri sullo stato infiammatorio, sul controllo della glicemia e sulla pressione sanguigna.

D’altra parte, ci sono prove crescenti che l’obesità e le sue complicanze (ossia sindrome metabolica, insulino-resistenza e diabete di tipo 2) sono significativamente associate alla suscettibilità e alla gravità dell’infezione da COVID-19.

Di conseguenza, molteplici fattori sono coinvolti nella prognosi e nel recupero dalle infezioni da COVID-19.

Le malattie acute e le complicanze causate da COVID-19 sono state ampiamente studiate.

Tuttavia, entro la metà del 2020, molti studi hanno riportato che i pazienti lamentavano la persistenza dei sintomi per settimane dopo la malattia acuta.

Attualmente, questa condizione è nota come sindrome post-COVID-19 ed è generalmente definita come “la persistenza di segni e sintomi che si sviluppano durante o dopo un’infezione coerente con COVID-19 che si protraggono per più di 12 settimane e non sono spiegati da una diagnosi alternativa”.

Più in dettaglio, la sindrome post-COVID-19 è caratterizzata da una combinazione di sintomi, principalmente affaticamento e disturbi del sono.

Altre caratteristiche comuni sono:

  • dispnea
  • dolori articolari
  • ansia
  • umore depresso
  • disfunzione cognitiva
  • dolore toracico
  • tromboembolia
  • caduta dei capelli
  • malattia renale cronica.

Oltre agli effetti organo-specifici, è noto che l’infezione da COVID-19 causa un grave atrofia muscolare catabolica.

Infatti la significativa infiammazione sistemica ha effetti negativi sulla sintesi proteica muscolare e vi è un aumento della domanda nutrizionale, che è difficile da soddisfare a causa della perdita di appetito, gusto e olfatto causata dall’infezione da COVID-19.

Pertanto, la massa muscolare scheletrica e la perdita di funzionalità (sarcopenia), combinate con una scarsa assunzione a causa di fragilità, umore basso e cambiamenti nel microbioma intestinale, hanno portato a un’elevata prevalenza di malnutrizione.

La malnutrizione di per sé influisce sul recupero di tutti gli altri sistemi colpiti dalla sindrome post-COVID-19, quindi è una componente chiave che deve essere affrontata.

Di conseguenza, i nutrizionisti possono svolgere un ruolo cruciale sia nell’insorgenza precoce della sindrome post-COVID-19 che nel follow-up dei pazienti per migliorare i risultati.

La sarcopenia è una condizione progressiva e generalizzata che causa la perdita di massa e funzione muscolare.

Questo disturbo determina riduzione della forza, insufficienza muscolare scheletrica o insufficienza.

Mantenere una massa muscolare e una forza sufficienti è importante per una vita sana.

È noto che la sarcopenia acuta si verifica durante COVID-19, specialmente nei pazienti più anziani, con implicazioni dirette per la funzione e il recupero post-COVID-19.

Una recente revisione sistematica e meta-analisi, che ha valutato gli interventi nutrizionali per migliorare la massa muscolare, la forza muscolare e le prestazioni fisiche nei soggetti più anziani, ha concluso che l’integrazione proteica in aggiunta all’allenamento di resistenza può essere utilizzata per aumentare la massa muscolare e la forza muscolare.

Secondo questa recensione, il fabbisogno minimo giornaliero di proteine per soggetti anziani sani è di 0,83 g di proteine di buona qualità per chilogrammo di peso corporeo al giorno.

Il fabbisogno energetico per i pazienti con sindrome post-COVID-19 dipende dal loro effettivo stato nutrizionale.

La maggior parte delle persone ha sperimentato una riduzione di peso involontaria durante l’infezione da COVID-19, a causa dell’aumento dell’infiammazione, della perdita di appetito legata ad alterazioni del gusto/odore e dei disturbi della deglutizione.

Inoltre, i pazienti potrebbero presentare sazietà e pienezza precoci dopo aver mangiato e bevuto.

Pertanto, è importante correggere lo squilibrio tra dispendio energetico e assunzione di energia.

Oltre alla stima del fabbisogno energetico individuale (in base all’età, al sesso e al peso), i pazienti possono essere consigliati in merito a strategie pratiche per aumentare l’assunzione di cibo, come consumare pasti più piccoli e più frequenti (sei pasti/giorno, spuntini ogni 3 ore), bere lontano dai pasti per evitare la sazietà precoce e limitare cibi o bevande etichettati come “leggeri”, “pochi grassi” o “poche calorie”.

Il fabbisogno proteico dovrebbe essere maggiore nei pazienti con sindrome post-COVID-19 per migliorare la sarcopenia ed evitare un ulteriore spreco di massa muscolare.

Si dovrebbe raccomandare ai pazienti di includere proteine di alta qualità, sia di origine vegetale che animale, e di consumare 15-30 g di proteine/pasto, a seconda del peso corporeo, per garantire l’assunzione di tutti gli aminoacidi essenziali, che potrebbero esercitare un’azione anti-effetto infiammatorio.

Inoltre, alcuni studi hanno suggerito che il consumo di proteine durante il giorno potrebbe prevenire l’autofagia.

Pertanto, potrebbe essere utile includere una fonte proteica ad ogni pasto e spuntino.

Per quanto riguarda l’assunzione di grassi, si dovrebbe consigliare un’assunzione giornaliera di 1,5–3 g/die di acidi grassi omega-3 (acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico) per migliorare l’infiammazione.

È interessante notare che è stato dimostrato che gli acidi grassi omega-3 potrebbero inibire la replicazione virale dei virus avvolti, come il COVID-19, riducendo eventualmente il rischio di nuove infezioni.

Inoltre, il consumo di olio extravergine di oliva dovrebbe essere aumentato per fornire un adeguato apporto di acidi grassi monoinsaturi, tocoferoli e polifenoli, che hanno dimostrato proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

Infine, l’assunzione totale di carboidrati non è una preoccupazione importante nei pazienti con sindrome post-COVID-19.

Tuttavia, è altamente raccomandato il consumo di fonti di carboidrati a basso indice glicemico.

Infatti, l’assunzione di alimenti ad alto indice glicemico è stata associata ad un aumento dell’infiammazione e dello stress ossidativo.

Inoltre, l’assunzione di fibre viscose e fermentabili (es. β-glucani e arabinoxilani da cereali integrali, pectine da frutta, verdura e legumi) dovrebbe essere aumentata in virtù del suo effetto prebiotico nei confronti dei batteri produttori di butirrato, che è stato associato a una riduzione infiammazione nell’ospite.

La dieta mediterranea è caratterizzata da molti composti bioattivi con attività antinfiammatoria e antiossidante (acidi grassi monoinsaturi e omega-3, e vitamine, minerali e fitochimici, rispettivamente).

In effetti, diversi studi hanno confermato gli effetti antinfiammatori e immunomodulatori di una dieta mediterranea su diverse malattie associate all’infiammazione cronica di basso grado.

È interessante notare che gli studi osservazionali hanno evidenziato un’associazione tra l’aderenza alla dieta mediterranea e migliori risultati nei pazienti con COVID-19 (mortalità, tasso di guarigione) nonché il rischio di infezione da COVID-19 in diverse popolazioni.

Pertanto, si consiglia di consumare più alimenti a base vegetale (frutta, verdura, cereali integrali e legumi), proteine animali di alta qualità (pesce, carne magra, pollame, uova e formaggi magri) ed extravergine l’olio d’oliva come principale fonte di grasso.

Infine, un’adeguata idratazione (30 ml/kg di peso corporeo effettivo) è importante per il completo recupero dei pazienti con sindrome post-COVID-19.

Pertanto, questi pazienti dovrebbero aumentare l’assunzione giornaliera di liquidi (2,5-3 L/die) consumando:

  • acqua
  • latte
  • succhi di frutta
  • brodo
  • bevande sportive
  • caffè
  • tè.

In conclusione la dieta mediterranea potrebbe essere una strategia utile per raggiungere questo scopo.

Integratori e nutraceutici dovrebbero essere consigliati nei pazienti malnutriti e carenti, e in quelli che non aderiscono alle raccomandazioni nutrizionali per complicazioni fisiche durature legate alle infezioni da COVID-19.

Fonte:
https://www.mdpi.com/2072-6643/14/6/1305

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!