Quando e come togliere il pannolino

Quando e come togliere il pannolino

Dire addio al pannolino non è molto semplice per un bambino di poco più di due anni.
Rinunciare a questa protezione ed essere rivestito della responsabilità di contenersi e controllare i propri bisogni non è impresa da poco e per questo va affrontata con serenità e pazienza.

Biologicamente il bambino non è pronto prima dei 24 mesi a fare a meno del pannolino.

Prima non ha il controllo degli sfinteri, non riesce a comunicare in anticipo i suoi stimoli e soprattutto non riesce a separarsi facilmente e con tranquillità da quelli che lui considera suoi ”prodotti’.

Prima di procedere con lo spannolinamento è bene saper leggere alcuni segnali che il bambino manda per comunicare che è pronto.

Ad esempio se riesce ad avvertire il sintomi dell’evacuazione o di urinare e li comunica in tempo alla mamma, oppure se resta asciutto per qualche ora e ciò dimostra che riesce a contenersi e quindi ad avere un controllo fisico e mentale sugli sfinteri.

Come si da inizio all’abbandono del pannolino?

Innanzitutto il bambino va coinvolto, deve accettare la situazione e sentirsi partecipe: è bene scegliere insieme a lui il vasino o il riduttore del water, le mutandine da indossare e vivere questa nuova avventura come un gioco che può anche dare soddisfazione e permette di ricevere un bel po’ di lodi.

Inoltre è importante creare un’abitudine: ad esempio si va in bagno ogni mattina e ogni sera prima di andare a dormire e dopo i pasti.

Inoltre si potrebbe iniziare sin dai dieci, undici mesi a far sedere il piccolo sul vasino leggendo un libretto insieme a lui per aiutarlo a familiarizzare con lo strumento, ma anche a fare i bisogni (soprattutto la cacca) nella posizione più comoda.

Questo approccio eviterà che a due anni passati il piccolo veda il vasino come un oggetto estraneo e con il quale potrebbe avere qualche difficoltà a entrare in sintonia.

Cosa è meglio evitare

  • E’ importante non umiliare il bambino con frasi del tipo ‘sei così grande e usi ancora il pannolino’;
  • non rimproverarlo se non riesce a contenersi;
  • non iniziare l’allontanamento dal pannolino in momenti particolari della sua vita, se ad esempio è arrivato un fratellino o è iniziata la scuola.

E’ importante invece:

  • Procedere per gradi;
  • essere pazienti;
  • lodarlo quando riesce a fare i suoi bisogno nel vasino; per i primi tempi è bene chiedere al bambino se deve fare la pipì ogni venti minuti e poi portarlo direttamente sul vasino senza aspettarsi un sì come risposta. Nella prima fase dello spannolinamento il piccolo dirà sempre che non deve andare in bagno, soprattutto se è impegnato in un gioco o nella visione di un cartone animato. Solo dopo un paio di settimane sarà in grado di sentire il bisogno di andare in bagno e comunicarla per tempo;
  • abituare il bambino ad andare in bagno prima di uscire di casa e appena si rientra.


paginemamme.it

Consigli di lettura per i piccoli
Il vasino di Andrea – Edizioni Usborne

TI POTREBBERO INTERESSARE...

bambino che fa l'aerosol

L’Inverno e l’aerosolterapia

Il “simbolo” dell’inverno, soprattutto in campo pediatrico, è sicuramente l’apparecchio (“device”) per l’aerosolterapia. Vediamo quindi come acquistare un prodotto efficace. Il goal terapeutico dell’aerosolterapia consiste

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui