Partner

Quali latti per i bambini?

Latte Latti

A cura del Dott. Giorgio Pitzalis.

Il latte vaccino è il tipo di latte più diffuso, rappresentando l’83% della produzione mondiale.

D’altra parte l’uso di latte di altre specie animali è aumentato negli ultimi anni. 

Il latte di bufala rappresenta il 13% della produzione globale di latte e prodotti lattiero-caseari, mentre il contributo del latte di capra (2,3%), pecora (1,4%) e cammello (0,3%) è limitato. 

Altre specie, come la renna, lo yak, l’alce, il bue muschiato, il lama e l’alpaca, rappresentano lo 0,2% del mercato mondiale del latte.

Molto recentemente, una maggiore consapevolezza dell’allergia e dell’intolleranza alle proteine del latte vaccino e una maggiore prevalenza di abitudini alimentari vegane hanno spinto i genitori a scegliere frequentemente sostituti del latte vaccino per i bambini, comprese altre alternative al latte di mammiferi e bevande a base di latte vegetale. 

Tuttavia, molte di queste alternative al latte non soddisfano necessariamente le esigenze nutrizionali di neonati e bambini.

In termini di macronutrienti si possono distinguere:
<ul>
<li>latte ricco di proteine
<li>grassi e lattosio, come renna e alce, latte con ridotto contenuto di proteine, grassi e alto contenuto di lattosio, come il latte di cavalla e asina.

</li>
</ul>

Il lattosio è il principale carboidrato del latte, è coinvolto nell’assorbimento intestinale di calcio, magnesio e fosforo, nell’uso della vitamina D, nello sviluppo del cervello ed è una fonte di energia. 

Fino al 30% dell’energia nel latte vaccino, circa il 40% dell’energia del latte materno e il 53-66% dell’energia del latte equino proviene dal lattosio.

 

Alternative al latte dei mammiferi.

Latte di bufala.

Il latte di bufala contiene più del doppio della quantità di grasso del latte vaccino (7,5 g / 100 g contro 3,3 g / 100 g), con conseguente maggiore contenuto energetico.

Latte di capra.
La ridotta dimensione dei globuli di grasso rende il latte di capra più digeribile. 

Per quanto riguarda il contenuto di carboidrati, il latte di capra contiene quantità variabili di lattosio, a seconda della dieta dell’animale, e alti livelli di oligosaccaridi.

La quantità di lipidi e proteine del latte di capra è paragonabile a quella del latte vaccino.

È carente di vitamina B12 e folato.

Latte di pecora.

La dimensione media dei globuli di grasso è inferiore nel latte di pecora rispetto al latte vaccino, il che lo rende più digeribile. Ha alti livelli di proteine (5,6 g / 100 g) e lipidi (6,4 g / 100 g).

Latte di cavallo e Asino.

La composizione del latte di cavallo e di giumenta è più simile a quella del latte materno a causa degli alti livelli di lattosio, dei bassi livelli di proteine, caseine (40–45% delle proteine totali) e sali minerali. 

Va comunque notato che il contenuto di grassi del cavallo e dell’asina è notevolmente inferiore rispetto al latte materno con conseguente minor contenuto energetico. 

Latte di dromedario e Cammello.

La caratteristica più importante delle alternative al latte di cammello e di dromedario riguarda la frazione proteica: i livelli di β-lattoglobulina non sono misurabili (simile al latte materno); la proteina sierica più comune è l’α-lattoalbumina; la caseina principale è la β-caseina (simile al latte materno). 

Queste caratteristiche conferiscono a questi due tipi di latte una maggiore digeribilità e una minore incidenza di allergie rispetto al latte vaccino.

Confrontando i diversi tipi di latte, si può notare che elementi comuni sono la carenza di ferro, il sodio e un buon apporto di calcio. 

Il latte di alce contiene quantità significative di selenio, mentre il latte di bufala, capra, pecora e cammello sono buone fonti di vitamina A.

Il latte di pecora è ricco di riboflavina mentre il latte di mucca, capra, bufalo e cammello ha fonti inferiori, sebbene adeguate. 

Il latte di bufala ha un alto contenuto di vitamina B6 e un buon contenuto di biotina. Il latte di pecora, cavalla e dromedario può essere considerato fonte di vitamina C.
Il latte di cammello ha anche un contenuto più elevato di vitamina D.
In conclusione, queste alternative al latte di mammiferi non sono adatte all’alimentazione dei neonati.

Allergia alle proteine del latte vaccino (APLV).

Il latte vaccino è l’allergene alimentare riscontrato più di frequente nell’infanzia. 

La prognosi a lungo termine per la maggior parte dei bambini è favorevole, con l’80-90% che acquisisce naturalmente tolleranza al latte vaccino entro i 6 anni di età.
La prevalenza stimata di ALPV nel primo anno di vita è dell’1,5-3% e diminuisce a meno dell’1% nei bambini di età compresa tra sei anni e ad un’incidenza dello 0,1-0,5% nell’età adulta.

L’attuale trattamento dell’APLV si basa sulla rigorosa eliminazione del latte e dei latticini dalla dieta e sul trattamento di emergenza in caso di reazioni da esposizione accidentale. 
L’eliminazione di CM e latticini dalla dieta di un bambino comporta un aumento del rischio nutrizionale, poiché questi alimenti rappresentano la principale fonte di proteine, grassi, calcio, fosforo e vitamina B12 per i neonati.

L’allattamento materno è l’opzione migliore se la CMPA si verifica durante questo periodo, poiché è considerata la fonte ottimale di nutrizione infantile.

Le madri dovrebbero essere incoraggiate ad allattare al seno e non richiedono restrizioni dietetiche sui latticini a meno che non presentino sintomi durante l’allattamento.
Tuttavia, quando l’allattamento al seno non è possibile o è insufficiente, nei bambini di età inferiore ai due anni è obbligatoria la sostituzione con un latte artificiale ipoallergenico.

Formule di latte vaccino ampiamente idrolizzata.

Una formula ampiamente idrolizzata è il risultato di un processo di produzione complesso che utilizza un’ampia idrolisi enzimatica e ultrafiltrazione delle proteine del latte vaccino (proteine del siero di latte o caseina). 

Sono attualmente raccomandate come formule di scelta per il trattamento dell’APLV, nutrizionalmente adeguate e ben tollerate. 
I principali svantaggi sono un sapore amaro e un costo finanziario elevato.

 

 

In particolare, nel 5-10% dei casi, gli idrolizzati proteici possono potenzialmente causare reazioni allergiche, a causa della presenza di brevi sequenze peptidiche specifiche, con potenziali capacità immunogeniche. 

Per questo motivo, questi latti non sono raccomandati per i bambini con anamnesi di anafilassi o reazione allergica alle proteine del latte vaccino mentre sono allattati esclusivamente al seno, che dovrebbero invece ricevere una formula di aminoacidi.

Formule a base di aminoacidi.

Queste formule forniscono proteine sotto forma di amminoacidi liberi e quindi sono considerati le uniche formule di latte completamente anallergiche. 
Questi latti sarebbero di prima linea adatte per tutti i bambini con APLV, ma di solito sono riservati, a causa del loro 
costo più elevato e della bassa appetibilità, a quei bambini con una delle seguenti condizioni:

  • mancanza di risposta o reazione agli idrolizzati proteici: sintomi allergici durante l’allattamento esclusivo al seno;
  • crescita vacillante, in particolare con coinvolgimento multisistemico (tratto gastrointestinale e / o pelle) e allergie / eliminazioni alimentari multiple;
  • sintomi gravi, come l’anafilassi;
  • esofagite e/o enteropatia eosinofila.


Formule a base di soia.

Le formule a base di soia sono ben tollerate nei neonati con APLV.

In passato sono state segnalate molte carenze nutrizionali con queste formule. 

Le attuali formule di soia sono integrate con quantità adeguate di aminoacidi come metionina, taurina e carnitina. 

Non sono carenti di ferro, zinco, calcio, fosforo.
Il contenuto di alluminio è più di 50 volte maggiore nelle formule di soia rispetto al latte materno, ma questo è ancora più vero per le formule idrolizzate di soia (80 volte maggiore). 
Tuttavia, il 95% dell’alluminio ingerito non viene assorbito nell’intestino e il rene espelle il 5% assorbito, quindi non ci sono differenze nei livelli plasmatici di alluminio nei bambini nutriti con formule diverse. 

Considerazioni simili valgono per il manganese. 

Oggi i fitati vengono quasi totalmente rimossi dalle formule di soia.

Rimangono due potenziali problemi per l’uso delle formule di soia:
Una è la preoccupazione per i possibili effetti ormonali sul sistema riproduttivo presunti a causa degli isoflavoni presenti nelle proteine della soia.
L’altro problema da tenere in considerazione è l’uso della soia transgenica nelle formule. 
Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti registra che fino al 93% delle colture di soia sono transgeniche. 

A causa di questi svantaggi nutrizionali, maggiore allergenicità e minore tolleranza, la European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI) e la European Society for Pediatric Gastroenterology Hepatology and Nutrition (ESPGHAN) raccomandano di non somministrare soia ai bambini con APLV durante i primi 6 mesi di vita e ai bambini che hanno avuto sintomi gastrointestinali.

Formule idrolizzata a base di riso.

Il riso è uno degli alimenti meno allergenici, reagendo in meno dell’1% dei bambini allergici. 
Non contiene lattosio e fitoestrogeni. 
Per questo motivo sono state sviluppate formule ipoallergeniche contenenti proteine del riso idrolizzate. 
Queste formule sono ormai in uso da più di un decennio in diversi paesi occidentalizzati. 

La composizione delle proteine del riso è naturalmente diversa dalle proteine bovine: sebbene siano ricche di aminoacidi essenziali, tre di questi non raggiungono il rispettivo valore contenuto nel latte materno.

Per questo motivo, per garantire la sicurezza nutrizionale ai lattanti allergici alle proteine del latte vaccino o alla soia, le formule di proteine del riso parzialmente idrolizzate vengono integrate con:

  • lisina,
  • treonina,
  • triptofano,
  • carnitina e taurina, ferro e zinco.

Possono essere efficaci nei pazienti che trovano i latti idrolizzati sgradevoli o non tollerati.

Nei neonati con diagnosi di APLV, l’assunzione giornaliera di calcio e vitamina D deve essere regolarmente valutata per garantire quantità adeguate.
L’apporto dietetico raccomandato (RDI) per calcio e vitamina D è rispettivamente di:

  • 200 mg e 400 unità internazionali (UI) (10 µg) al giorno nei primi sei mesi di vita;
  • 260 mg e 400 UI nei bambini di età compresa tra sei e 12 mesi;
  • 700 mg e 600 UI tra il primo e il terzo anno di vita. 

La maggior parte delle formule speciali sono integrate con calcio e vitamina D in quantità variabili. 
È necessario valutare di volta in volta il contenuto di calcio e vitamina D nella quantità di latte somministrato e nella dieta del bambino rimanente.
Nel caso in cui il consumo della formula speciale sia inferiore a 500 ml / die è necessaria un’integrazione con 500 mg/die di calcio; 400 UI di vitamina D devono essere somministrate dalla nascita al primo anno di vita. 
Successivamente, è opportuno continuare la supplementazione con 600 UI/die.

Nei neonati con diagnosi di APLV, la bassa appetibilità e l’alto costo delle formule di latte ipoallergeniche raccomandate stanno influenzando sempre più i genitori a scegliere frequentemente come alternative altri tipi di latte di mammiferi. 

Tuttavia, queste alternative al latte non sono sempre sicure o nutrizionalmente adeguate. 
Alcuni studi hanno suggerito che il latte di capra è meno allergenico del latte vaccino. 
Sebbene contengano le stesse proteine del latte vaccino, alcune di queste nel latte di capra differiscono nei loro polimorfismi genetici con conseguente minor potenziale allergenico.

Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che il latte di capra non è adatto ai bambini con APLV a causa della reattività crociata tra le proteine della caseina contenute nel latte vaccino e il latte di capra. 

Pertanto, le linee guida internazionali raccomandano di non utilizzare il latte di capra come sostituto in caso di APLV. 

Raccomandazioni simili si applicano anche al latte di pecora a causa del rischio di reattività crociata con il latte vaccino.
Per quanto riguarda il latte con una bassa reattività crociata (cioè, latte di equina, cavalla e asina), non sono adatti durante il primo anno di vita nei bambini con APLV se non “nutrizionalmente modificati”. 

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6723250/

TI POTREBBERO INTERESSARE...

logo_ped_famiglia

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui