Il probiotico Bifidobacterium nella gestione del Coronavirus

probiotico

Il Probiotico.

Il COVID-19 è una nuova malattia causata da un nuovo coronavirus, SARS-CoV-2, che colpisce principalmente i polmoni e le vie aeree.

  • È stato riportato che livelli sierici elevati delle citochine pro-infiammatorie sono predittivi di una prognosi sfavorevole nei pazienti con COVID-19.
  • È stato dimostrato che alcuni ceppi della specie probiotica bifidobatteri esercitano effetti immunomodulanti e antinfiammatori sul sistema immunitario umano.

Sebbene non ci siano prove chiare che i bifidobatteri possano essere usati per trattare i virus, è stato dimostrato che i bifidobatteri probiotici diminuiscono, non solo la durata delle vie respiratorie, i sintomi causati dal comune coronavirus del raffreddore ma anche i giorni con la febbre. Inoltre, un rapporto ha rivelato che alcuni pazienti con COVID-19 hanno dimostrato cambiamenti nel microbioma intestinale che presentano un numero ridotto di bifidobatteri e lattobacilli.

Va inoltre sottolineato che anche i ceppi probiotici di lattobacilli hanno dimostrato di esercitare un effetto benefico in alcune infezioni virali.

Alcuni ceppi probiotici di bifidobatteri possiedono il già citato effetto inibitorio dell’IL-17.

Il Bifidobacterium animalis subsp. Lactis -BB12 ha soppresso significativamente sia il TNF-α che l’NF-b nelle malattie infiammatorie.

Nei nostri precedenti rapporti, abbiamo dimostrato che una singola dose intracolica di Bifidobacterium animalis sp. Lactis-BB12 ha portato a una rapida guarigione della mucosa in un paziente con colite ulcerosa.

Nei pazienti con COVID-19 si ha un microbioma intestinale caratterizzato dall’arricchimento di agenti patogeni opportunistici e dall’esaurimento dei batteri commensali benefici.

È probabile che alcune specie di bifidobatteri prevengano la replicazione dei coronavirus riducendo l’autofagia.

Per tutti questi motivi si può ipotizzare che la somministrazione di una singola dose elevata di un ceppo appropriato di bifidobatteri (come BB-12 o infantis ) e specialmente in pazienti con sintomi gastrointestinali (diarrea, dolore addominale, vomito), abbia un ruolo nella gestione dei pazienti affetti da coronavirus.

Ci sono alcuni risultati che suggeriscono che la disbiosi intestinale potrebbe svolgere un ruolo nella mancata risposta ai vaccini.

A questo proposito, il microbiota intestinale potrebbe influenzare le risposte immunitarie intestinali agendo come immunomodulatori e come adiuvanti naturali dei vaccini.

  • Il consumo del ceppo probiotico BB-12 ha aumentato significativamente le risposte immunitarie antigene-specifiche in individui sani che hanno ricevuto la vaccinazione antinfluenzale.
  • Allo stesso modo, i bifidobatteri probiotici potrebbero svolgere un ruolo importante nell’efficacia dei vaccini contro SARS-CoV-2.

In conclusione, data la stretta relazione che sembra esistere tra la replicazione virale e l’immunità gastrointestinale, una strategia probiotica che prenda di mira e modifichi la risposta immunitaria potrebbe essere efficace nel ridurre la replicazione virale.

La nota attività antinfiammatoria di alcuni bifidobatteri suggerisce che questi batteri potrebbero svolgere un ruolo importante nell’abrogare la risposta infiammatoria che sembra così caratteristica di questo virus.

fonte: https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/2058738420961304

TI POTREBBERO INTERESSARE...

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui