NEW

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Il colesterolo alto è una condizione di cui preoccuparsi seriamente in quanto, specialmente in chi è più avanti con l’età. Questo può comportare diverse patologie, alcune anche gravi, come l’arteriosclerosi o diverse patologie cardiache. Cambiare stile di vita in uno...

Refezione scolastica ? Si, grazie!

In particolare in età pediatrica errori od eccessi alimentari hanno effetti non solo immediati sull’accrescimento del bambino ma anche sul “programming” endocrino-metabolico dell’individuo, condizionandolo quindi per tutta la vita. Ogni trattamento dietoterapico sarà...

Sale iodato negli alimenti? Si, grazie!

Oltre il 60% di tutto il sale venduto nel nostro Paese è iodato. I bambini di Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sicilia ne assumono a sufficienza con l'alimentazione. In tutte queste Regioni (ad eccezione ancora delle Marche) il gozzo in età scolare può dirsi...

Fegato grasso

Fegato grasso. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è diventata la malattia epatica più comune tra i bambini con una maggiore prevalenza tra gli obesi. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), un problema emergente di salute pubblica nei paesi ad alto, basso e...

NON È VERO CHE l’ACQUA…

Non è vero che l’acqua debba essere bevuta al di fuori dei pasti. Non è vero che l'acqua... Quando si beve una quantità eccessiva di acqua nel corso del pasto il massimo che può succedere è che, per una diluizione dei succhi gastrici, si allunghino di un poco i tempi...

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall’asma nei bambini: quale rapporto?

La pandemia di SARS-CoV-2 ha causato (fino ad agosto 2021) oltre 200 milioni di casi e 4 milioni di morti, il che ha avuto un enorme impatto sulla vita quotidiana di ogni essere umano sulla Terra.

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall’asma nei bambini.

  • Durante l’infanzia, l’infezione da SARS-CoV-2 sembra essere meno comune, e la malattia è generalmente più mite.

    Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che, anche quando si presenta con sintomi lievi, i bambini possono essere una fonte di contagio e possono lamentare sintomi di lunga durata.

  • Non dimentichiamo che i bambini sperimentano diverse infezioni respiratorie nei primi anni di vita, comprese le infezioni da altri coronavirus.

    Queste infezioni e le vaccinazioni che ricevono i bambini potrebbero costituire un robusto stimolo immunologico in grado di attivare il sistema immunitario e renderlo più efficiente nel contenere i patogeni in genere.

    A causa di questa cosiddetta “immunità addestrata”, i bambini potrebbero avere una risposta immunitaria più protettiva rispetto agli adulti.

  • Deve anche essere considerato che la “Sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini correlati a COVID-19” (MIS-C) è una complicanza rara ma grave che si verifica 2-6 settimane dopo l’infezione da SARS-CoV-2 ed è segnalata esclusivamente in bambini e adolescenti prevalentemente precedentemente sani.

Nei primi mesi della pandemia, era previsto un numero elevato di casi gravi di COVID-19 o esacerbazioni respiratorie negli adulti e nei bambini con malattia respiratoria cronica (CRD).

Ciò si basava sulla considerazione che le loro vie aeree potrebbero essere un potenziale locus minoris resistentia e che le esacerbazioni indotte dal virus si verificano facilmente.

Tuttavia, la CRD, stranamente, non è stata identificata come la comorbilità più significativa per COVID-19.

In questa pandemia, da un lato i risultati hanno mostrato che l’infezione è stata ben tollerata tra i bambini con asma e fibrosi cistica (FC), dall’altro sia gli adulti che i bambini con CRD possono contrarre l’infezione e sviluppare sintomi con un aumento complessivo del rischio di COVID-19 grave, che potrebbe essere correlato al grado di coinvolgimento polmonare sottostante.

Ultimo ma non meno importante, va notato che il COVID-19 sembra avere un esito più favorevole nei bambini e negli adolescenti con allergie dovute a conte di eosinofili più elevate.

  • La pandemia ha causato importanti cambiamenti nella pratica clinica in tutto il mondo sia a livello ospedaliero che di cure primarie.
    Al fine di ridurre il rischio di diffusione del contagio tra operatori sanitari e pazienti, molti servizi ambulatoriali e di ricovero sono stati temporaneamente chiusi nella prima ondata della pandemia, rendendo disponibili solo le cure di emergenza.
    Durante il lockdown in Italia, le visite ambulatoriali alle specialità pediatriche si sono ridotte di circa l’80%, anche a causa della paura dei genitori di esporre i propri figli all’infezione da SARS-CoV-2 frequentando le strutture sanitarie.
    Nei mesi successivi sono riprese molte attività, ma con limitazioni.Ciò ha avuto implicazioni inevitabili ma importanti che sono ancora presenti nella gestione delle condizioni croniche, comprese quelle respiratorie, per le quali la valutazione ambulatoriale regolare è di fondamentale importanza.

In conclusione, il mondo non sarà più lo stesso quando finirà la pandemia di SARS-CoV-2.

Si spera che avremo imparato molte lezioni, incluso come costruire sistemi sanitari nazionali più efficienti che cooperino efficacemente in una rete mondiale.

Riteniamo che alcune delle misure mitigative rimarranno, come indossare dispositivi di protezione individuale nelle strutture sanitarie o indossare maschere tra i bambini a maggior rischio di gravi infezioni respiratorie.

L’incredibile corsa scientifica che si conclude con la vaccinazione SARS-CoV-2 è una pietra miliare che dà speranza per future epidemie.

I vaccini stanno già cambiando il corso dell’attuale pandemia e sono ora disponibili anche per i bambini oltre i 12 anni.

Tuttavia, i pazienti con CRD dovranno ancora affrontare molti problemi causati direttamente o indirettamente da SARS-CoV-2.

Dovremmo incoraggiare loro e le loro famiglie a continuare a essere cauti per evitare l’infezione, anche dopo aver completato il loro programma di vaccinazione, oltre a continuare regolarmente i loro trattamenti e follow-up e a cercare cure mediche immediate quando necessario.

Anche evitare l’inquinamento atmosferico e l’esposizione al fumo, essere fisicamente attivi e ricevere altre vaccinazioni dovrebbe essere raccomandato al fine di promuovere la salute respiratoria anche durante una pandemia.

Fonte:
10.1186/s13052-021-01155-9

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!