NEW

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Il colesterolo alto è una condizione di cui preoccuparsi seriamente in quanto, specialmente in chi è più avanti con l’età. Questo può comportare diverse patologie, alcune anche gravi, come l’arteriosclerosi o diverse patologie cardiache. Cambiare stile di vita in uno...

Sale iodato negli alimenti? Si, grazie!

Oltre il 60% di tutto il sale venduto nel nostro Paese è iodato. I bambini di Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sicilia ne assumono a sufficienza con l'alimentazione. In tutte queste Regioni (ad eccezione ancora delle Marche) il gozzo in età scolare può dirsi...

Fegato grasso

Fegato grasso. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è diventata la malattia epatica più comune tra i bambini con una maggiore prevalenza tra gli obesi. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), un problema emergente di salute pubblica nei paesi ad alto, basso e...

NON È VERO CHE l’ACQUA…

Non è vero che l’acqua debba essere bevuta al di fuori dei pasti. Non è vero che l'acqua... Quando si beve una quantità eccessiva di acqua nel corso del pasto il massimo che può succedere è che, per una diluizione dei succhi gastrici, si allunghino di un poco i tempi...

Quanto sarà alto, da grande, tuo figlio?

Quanto sarà alto, da grande, tuo figlio? Per target staturale genetico si intende la statura finale del bambino prevista dal suo background genetico, valutato sulla base dell’altezza dei genitori. Una semplice formula viene utilizzata per calcolarlo. 
Maschi =...

Refezione scolastica ? Si, grazie!

Una corretta educazione alimentare è indispensabile per evitare condizioni e patologie correlate al sovrappeso e/o all’obesità.

In particolare in età pediatrica errori od eccessi alimentari hanno effetti non solo immediati sull’accrescimento del bambino ma anche sul “programming” endocrino-metabolico dell’individuo, condizionandolo quindi per tutta la vita.

Ogni trattamento dietoterapico sarà sicuramente più efficace se iniziato nelle prime epoche delle vita.

Attualmente, in Italia, 4 bambini su 10, in età scolare, sono sovrappeso od obesi.

Abbiamo per questo il triste primato europeo e il trend non accenna a migliorare.

La funzione del pediatra, primo e spesso unico nutrizionista della famiglia, è fondamentale per assicurare un attento follow-up staturo-ponderale e una corretta sorveglianza delle abitudini alimentari del nucleo familiare durante tutta l’epoca evolutiva.

La ristorazione scolastica rappresenta, di solito, un cambiamento nelle consuetudini alimentari che stimola la curiosità del bambino e favorisce una migliore disponibilità verso i nuovi sapori. Il pranzo a scuola ha soprattutto una valenza affettiva e relazionale e assume un significato più ampio della semplice somministrazione di cibo e principi nutritivi: è un momento di condivisione e di familiarizzazione con gli altri bambini e con gli insegnanti.

Le tabelle dietetiche adottate dalla ristorazione scolastica fanno riferimento ai LARN e soddisfano per il 40% il fabbisogno giornaliero per ogni fascia d’età.

Mangiare a scuola può rappresentare quindi, non solo nutrirsi ma anche apprendere.

In generale, il comportamento alimentare è uno dei fattori mediante il quale i genitori hanno l’opportunità di capire il bambino; ma, attenzione: anche il bambino ne ricava le sue impressioni su mamma e papà !

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!