NEW

Fegato grasso

Fegato grasso. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è diventata la malattia epatica più comune tra i bambini con una maggiore prevalenza tra gli obesi. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), un problema emergente di salute pubblica nei paesi ad alto, basso e...

Quanto sarà alto, da grande, tuo figlio?

Quanto sarà alto, da grande, tuo figlio? Per target staturale genetico si intende la statura finale del bambino prevista dal suo background genetico, valutato sulla base dell’altezza dei genitori. Una semplice formula viene utilizzata per calcolarlo. 
Maschi =...

Ristorazione scolastica, ovvero…

Ristorazione scolastica. L’alimentazione è la più elementare e al tempo stesso la più complessa manifestazione della vita umana, permeata di significati nutrizionali, comportamentali, culturali, religiosi, sociali, economici. È inoltre veicolo di tradizioni, credenze,...

Disturbi alimentari e TikTok

Disturbi alimentari e TikTok - I disturbi alimentari rappresentano un gruppo di disturbi psichiatrici caratterizzati da disturbi dei comportamenti alimentari, che si traducono in un consumo di cibo alterato e compromissione della salute fisica e del funzionamento...

Attività fisica e tempo sedentario nei bambini

L'obesità pediatrica è un problema molto serio negli Stati Uniti (e non solo!) a causa delle conseguenze negative sia a breve che a lungo termine per la salute dei bambini. I bambini obesi sono ad alto rischio di malattie come il diabete di tipo 2, le malattie...

NON È VERO CHE l’ACQUA…

Non è vero che l’acqua debba essere bevuta al di fuori dei pasti.

Non è vero che l’acqua… Quando si beve una quantità eccessiva di acqua nel corso del pasto il massimo che può succedere è che, per una diluizione dei succhi gastrici, si allunghino di un poco i tempi della digestione.

Al contrario, l’assunzione di una adeguata quantità d’acqua consumata durante il pasto (che corrisponde a circa 600-700 ml) è utile per migliorare la consistenza e la diluizione degli alimenti ingeriti favorendo così digestione ed assorbimento.

Non è vero che l’acqua faccia ingrassare.

L’acqua non ha calorie, le variazioni di peso che si registrano in seguito all’assunzione o espulsione di acqua sono solo momentanee e ingannevoli.

Non è vero che bere molta acqua provochi maggiore ritenzione idrica.

La ritenzione idrica, quando non dovuta a particolari patologie, dipende dal sale o da altre sostanze contenute negli alimenti, non dall’acqua assunta.

Non è vero che per mantenere la linea si debbano prediligere le acque oligominerali rispetto alle acque maggiormente mineralizzate.

I sali contenuti nell’acqua e l’acqua stessa, al contrario, favoriscono l’eliminazione dei sali contenuti in eccesso nell’organismo.

Non è vero che il calcio presente nell’acqua non sia assorbito dal nostro organismo.

La capacità dell’intestino di assorbire il calcio contenuto nell’acqua è simile a quella del calcio contenuto nel latte e nei prodotti lattiero-caseari.

Non è vero che il calcio presente nell’acqua favorisca la formazione di calcoli renali.

Le persone predisposte a formare questo tipo di calcoli devono bere abbondantemente e ripetutamente nel corso della giornata, senza temere che il calcio contenuto nell’acqua possa favorire la formazione dei calcoli stessi: anzi, le acque minerali ricche di calcio possono costituire al riguardo un fattore protettivo.

Non è vero che l’acqua gassata faccia male.

L’anidride carbonica presente sia nelle acque naturalmente gassate – sia in quelle in cui è aggiunta -migliora la conservabilità del prodotto.

Quando la quantità di gas è molto elevata, alcuni individui possono presentare qualche lieve sintomo dovuto a preesistenti disturbi gastrici e/o intestinali oppure al temporaneo aumento di pressione a livello dell’apparato gastrointestinale.

Non è vero che bere acqua fredda faccia male.

Anzi, quando è caldo dona anche un senso di piacere; l’importante è berla lentamente per evitare congestioni.

Non è vero che uno o due bicchieri di acqua tiepida bevuti a digiuno purifichino l’organismo.

Non arrecano sicuramente danno ed entrano nel bilancio idrico dell’organismo, ma non esistono solide evidenze scientifiche a favore dell’effetto depurativo di questa pratica.

Non è vero che le acque a basso contenuto di sodio siano utili per chi soffre di ipertensione.

La quantità di sodio contenuta nell’acqua è talmente bassa che la sua assunzione è pressoché irrilevante per la salute.

Non è vero che si perde acqua solo quando fa molto caldo.

Quando fa molto freddo l’aria che inspiriamo è particolarmente secca, tuttavia noi espiriamo comunque aria umida, quindi perdiamo comunque acqua attraverso la respirazione.

Fonti e approfondimenti:
www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/-/linee-guida-per-una-sana-alimentazione-2018

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!