A dieta, non in prigione!

A dieta, non in prigione!

Mediante il comportamento alimentare i genitori hanno l’opportunità di capire il proprio bambino.
Per molti secoli il compito principale dei genitori è stato quello di assicurare ogni giorno il cibo ai propri figli.

Negli ultimi decenni, nei Paesi ritenuti più industrializzati, il panorama è totalmente cambiato. L’offerta alimentare è aumentata in maniera impressionante e si è passati ad un’alimentazione eccessiva e spesso monotona.

Un bambino sovrappeso è un problema complesso

Un bambino sovrappeso è un problema complesso per se stesso, per la sua famiglia e per la società.

In ogni famiglia c’è spesso un settore della vita del figlio a cui dedicare particolare attenzione: scuola, amici, sport.
In questo senso anche l’alimentazione costituisce un classico “terreno di battaglia”.

Il consiglio è allora quello di non fuggire dal problema ma di raccogliere la sfida che può costituire un’occasione unica di maturazione e di crescita per la famiglia nel suo complesso. Spesso si mangia più del necessario per ansia, tristezza o noia.

La soluzione?

Non solo ridurre la quantità degli alimenti ma anche ricercare i motivi della sofferenza che causa l’iperalimentazione. Importante è ricostruire l’autostima dell’individuo.

Mio figlio non mangia niente!”

Ancora oggi il cibo è considerato simbolo di sicurezza e serenità. Spesso uno o entrambi i genitori sono convinti di essere più validi se riescono a “ipernutrite” il proprio figlio.

Il bambino può allora avere due comportamenti:

  • assecondare i genitori, diventando così sovrappeso;
  • al contrario, mangiare sempre meno.

A tavola è importante evitare di litigare e vittimizzare il bambino

Il risultato è scontato: il bambino non collabora più alla sua alimentazione e tende a rifiutare gli alimenti proposti.
Inoltre, i nostri bambini fin dai primi mesi di vita sono “addomesticati” al gusto dolce che ricercano poi, negli anni successivi, negli alimenti, a costo calorico eccessivo.

In questo senso bibite dolci e gassate non aiutano certo a controllare il peso corporeo.
E’ quindi necessario impostare con i genitori e fin dai primi anni di vita del bambino, un efficace programma educativo.

In questo senso il Pediatra rappresenta la figura di riferimento del sistema sanitario nazionale: è il primo e spesso l’unico nutrizionista della famiglia e dalla sua opera dipenderà (in gran parte) se il bambino a lui affidato sarà un adulto normopeso.

TI POTREBBERO INTERESSARE...

Come si perde peso

Pitzalis diet. Come si perde peso.

Ecco come ha ridotto il suo peso un papà nella prima fase della dieta-primo mese. Il sovrappeso e l’obesità rappresentano una vera e propria epidemia

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Il colesterolo alto è una condizione di cui preoccuparsi seriamente in quanto, specialmente in chi è più avanti con l’età. Questo può comportare diverse patologie,

Pranzo al sacco? Si, ma...

Pranzo al sacco? Si, ma…

Qualcuno lo chiama “lunch box“, altri “schiscetta” o “baracchino”, qualcun altro “pranzo al sacco” ma la sostanza non cambia. Trattasi in tutti i casi di

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui