Zucchero: nascosto ma non troppo!

Zucchero: nascosto ma non troppo!

In ogni bibita gassata dolce (soft drink) trovi 6 cucchiaini di zucchero. In 1 yogurt magro 4 cucchiaini. In 1 cucchiaio di ketchup 1 cucchiaino.

Esiste poi il problema dello zucchero “nascosto”. Dove?

Ecco alcuni esempi:

  • conserve di pomodoro;
  • salumi (prosciutto cotto, mortadella, tutti i tipi di wurstel);
  • cereali per la prima colazione;
  • aceto balsamico;
  • sughi pronti;
  • impanature degli alimenti confezionati;
  • senape light;
  • maionese;
  • pane confezionato;
  • zuppe;
  • minestroni;
  • contorni surgelati.

Lo zucchero svolge la funzione di addensante

Ricorda:
lo zucchero, oltre ad essere usato per dolcificare, svolge la funzione di addensante.

E poi considera:
lo zucchero non si chiama solo “zucchero” ma anche:

  • saccarosio;
  • zucchero di canna;
  • zucchero invertito;
  • sciroppo di glucosio;
  • sciroppo di fruttosio

Sono sovente utilizzati anche il fruttosio (lo zucchero ricavato dalla frutta), glucosio e il lattosio (zucchero ricavato dal latte).

Ulteriore alternative usate sono

  • maltosio;
  • destrine;
  • sciroppo di amido con fruttosio;
  • maltodestrine;
  • mannitolo;
  • sciroppo di malto;
  • succo zuccherato disidratato;
  • succo zuccherato evaporato.

Tra i dolcificanti naturali, vengono anche usati:

  • miele;
  • succo di frutta concentrato;
  • melassa;
  • zucchero d’uva;
  • succo di mele concentrato;
  • sciroppo d’acero;
  • sciroppo di riso;
  • sciroppo di sorgo;
  • succo d’agave;
  • manna.

Insomma, apri gli occhi, guarda le etichette e, comunque, semplifica la tua alimentazione.
Il tuo corpo ringrazia

TI POTREBBERO INTERESSARE...

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui