Partner

Parvovirus umano B19V

B19V

Il parvovirus umano B19V. A cura del Prof. Giorgio Pitzalis

Il parvovirus umano B19 (B19V) è un virus a DNA a filamento singolo della famiglia Parvoviridae , noto per essere patogeno per l’uomo da oltre tre decenni.

Ha un ampio spettro clinico, che va dall’infezione asintomatica, fino a una malattia lieve e fino a una pericolosa per la vita, in gran parte dipendente dall’età, dall’immunocompetenza e dallo stato di gravidanza.
Nei bambini, più comunemente in età scolare, la B19V causa classicamente eritema infettivo (quinta malattia o megaloeritema), febbre bifasica e malattie eruzioni cutanee.

L’eritema infettivo è caratterizzato da una fase prodromica iniziale, simil-influenzale, aspecifica, comprendente:

  • mal di testa,
  • mal di gola,
  • vomito,
  • diarrea,
  • febbre e corizza – attribuita alla viremia B19V – seguita dalla classica eruzione cutanea “dalla guancia schiaffeggiata”.

Un esantema eritematoso simile al malare con pallore circonferenziale, da due a cinque giorni dopo, corrispondente all’attivazione immunitaria.

A questo proposito, I bambini sono contagiosi fino alla comparsa dell’esantema.
Dal momento della comparsa dell’esantema possono rientrare a scuola.
L’eruzione cutanea può successivamente diffondersi al tronco e agli arti, spesso come eruzione eritematosa di tipo reticolare.
Altri tipi di eruzioni cutanee sono state associate alla B19V, soprattutto negli adulti, dove le manifestazioni cutanee sono polimorfe, compreso il coinvolgimento di mani e piedi.

Ciononostante, il coinvolgimento articolare è la manifestazione più comune negli individui di età superiore ai 18 anni, presentato come poliartralgia o poliartrite fino al 60% dei pazienti.

Infatti, è stato precedentemente suggerito che fino al 15% dei nuovi casi di artrite possono essere attribuiti a sequele di B19V.

I sintomi correlati all’artropatia sono generalmente simmetrici, coinvolgono le articolazioni più piccole delle estremità di mani, polsi, ginocchia e piedi e si risolvono entro poche settimane.
La crisi aplastica transitoria (TAC), una sospensione temporanea della produzione di globuli rossi, è potenzialmente una manifestazione più grave di B19V, con grave anemia e complicazioni correlate come esacerbazione dell’insufficienza cardiaca congestizia, eventi cerebrovascolari e sequestro splenico acuto.

È interessante notare che la soppressione dell’eritropoiesi sembra essere presente nella maggior parte delle infezioni da B19V, evidente dalla riduzione dei reticolociti, sebbene l’anemia non sia generalmente presente, potenzialmente a causa del rapido recupero rispetto al ciclo di vita degli eritrociti.

Tuttavia, in pazienti con anomalie ematologiche, come anemia falciforme, anemia emolitica e sferocitosi ereditaria, sono stati segnalati casi gravi di TAC.
Altre complicanze pericolose includono manifestazioni neurologiche, riportate in tutti i gruppi di età, comprese sia complicazioni del sistema nervoso centrale, come l’encefalite, sia quelle periferiche come la sindrome di Guillain-Barré.
Durante la gravidanza, l’infezione da B19V può portare alla perdita del feto, all’anemia e all’idrope fetale non immune.

I tassi di perdita fetale variano tra gli studi da circa il 10% al 20-30% nelle pubblicazioni precedenti.
Sebbene il rischio esista per tutta la gravidanza, è significativamente più elevato se l’infezione si è verificata nel primo trimestre.

L’idrope fetale, o accumulo di liquido eccessivo nei compartimenti fetali, rappresenta il rischio maggiore durante il primo e il secondo trimestre e contribuisce al rischio di perdita del feto.

La trasmissione transplacentare porta ad un’infezione da B19V del fegato fetale, sede dell’eritropoiesi, portando quindi ad una grave anemia, talvolta concomitante con trombocitopenia.

In conclusione, anche l’Italia sta attualmente vivendo l’epidemia di B19V più grande e più lunga mai segnalata fino ad oggi, con un aumento significativo osservato sia nei bambini in età scolare che nelle donne incinte.
È stato suggerito che il COVID-19 abbia portato a cambiamenti nei modelli di altre malattie virali, soprattutto nei bambini, potenzialmente a causa di comportamenti sociali e sanitari che portano a un divario immunitario.

Fonte: https://www.mdpi.com/1999-4915/15/11/2261

TI POTREBBERO INTERESSARE...

logo_ped_famiglia

REGALA LA SALUTE

Clicca qui