Partner

Orticaria in pediatria

Orticaria in pediatria

A cura del Prof. Giorgio Pitzalis

L’orticaria in pediatria.  È comune nella popolazione pediatrica ed è una delle condizioni dermatologiche più comuni che si presentano ai dipartimenti di emergenza La prevalenza dell’orticaria nei bambini varia dal 15,3 al 22,5%

Anche se la maggior parte dei pazienti affetti da orticaria sono generalmente benigni, questo problema può causare preoccupazione nei genitori soprattutto in caso di primo attacco episodico. 

L’orticaria e l’angioedema possono essere un segno precoce di anafilassi che necessita di un trattamento immediato.

La diagnosi di orticaria può essere fatta in base alla sua presentazione tipica con aspetto edematoso acuto, pomfo e riacutizzazione, talvolta anche con angioedema. 
Ha la sua natura fugace (potrebbe essere assente nel momento in cui i pazienti vengono effettivamente visitati). 

Le lesioni sono solitamente pruriginose. 

 

Focus: cos’è l’angioedema?

L’angioedema è l’edema del derma profondo e dei tessuti sottocutanei.
Il sintomo principale è il gonfiore, spesso del viso, della bocca e delle vie aeree superiori, che può essere grave.

La diagnosi può essere difficile in alcune circostanze, condizioni che possono simulare l’orticaria (ad esempio esantema virale, eruzione morbilliforme da farmaci, punture di insetti, dermatite da contatto, ecc.).

La forma episodica acuta è la più diffusa nella popolazione pediatrica ed è spesso un fenomeno ricorrente.

L’orticaria e l’angioedema sono causati da varie eziologie che solitamente differiscono tra i diversi gruppi di età.

Questi includevano; infezioni (virus, batteri, funghi e parassiti), reazioni allergiche a cibi e farmaci o stimoli fisici. 
In molti casi non è possibile identificare una causa specifica (orticaria idiopatica). 

Le diverse eziologie richiedono strategie di gestione diverse. 

Sono stati esaminati 515 pazienti con orticaria di età inferiore a 18 anni, afferenti al pronto soccorso.
La causa più comune di orticaria è stata:

  • l’infezione (51,26%),
  • causa idiopatica (34,37%),
  • inalanti (6,99%),
  • farmaci (4,08%),
  • alimenti (2,52%) 
  • punture di insetti (0,78%). 

Malattie allergiche sottostanti:

  • dermatite atopica,
  • rinite allergica,
  • asma

sono state documentate in 59 pazienti (11,46%).

Relativamente agli alimenti, riportiamo l’elenco degli alimenti che producono orticaria, prurito, rossore cutaneo, anche solo in determinati periodi dell’anno, talora scatenate dall’attività fisica.

Gli alimenti sono suddivisi in base al meccanismo scatenante.
Buona lettura!

Alimenti ricchi di sostanze istamino-liberatrici:

  • fragole,
  • lamponi,
  • ananas,
  • banane,
  • avocado,
  • kiwi,
  • agrumi,
  • pesche,
  • crostacei,
  • molluschi,
  • fave,
  • piselli,
  • lenticchie,
  • ceci,
  • fagioli,
  • arachidi,
  • noci,
  • nocciole,
  • mandorle,
  • formaggi fermentati,
  • yogurt,
  • cioccolato e derivati,
  • pomodori,
  • cavoli,
  • alcool,
  • caffè,
  • albume d’uovo.

Alimenti ricchi di istamina:

  • formaggi stagionati (cheddar, gouda, roquefort, brie, pecorino, groviera),
  • bevande fermentate (vino, birra, ecc.),
  • vegetali (pomodori, spinaci, crauti),
  • insaccati,
  • tonno,
  • acciughe,
  • aringhe,
  • crostacei.

Alimenti ricchi di tiramina (favorisce la liberazione di istamina dai mastociti):

  • formaggi stagionati (cheddar, gouda, roquefort, brie, pecorino, groviera),
  • aringhe,
  • tonno,
  • caviale,
  • spinaci,
  • pomodori,
  • patate,
  • cavoli,
  • cavolfiori,
  • vino,
  • birra,
  • salsiccia,
  • insaccati,
  • selvaggina,
  • avocado,
  • fichi,
  • fave,
  • estratto di lievito,
  • cioccolato,
  • uva.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7892759/

TI POTREBBERO INTERESSARE...

logo_ped_famiglia

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui