NEW

Attività fisica e tempo sedentario nei bambini

L'obesità pediatrica è un problema molto serio negli Stati Uniti (e non solo!) a causa delle conseguenze negative sia a breve che a lungo termine per la salute dei bambini. I bambini obesi sono ad alto rischio di malattie come il diabete di tipo 2, le malattie...

Il latte ed il bambino

Il latte ed il bambino. Il Pediatra di famiglia assiste i suoi piccoli pazienti per 5110 giorni (dalla nascita a 14 anni) ed entra, come nessun altro medico nel cuore della famiglia. È inoltre il primo, e spesso l’unico, nutrizionista del nucleo familiare. Il pediatra...

Fattori modificabili del sovrappeso

L'eziologia dell'obesità è multifattoriale e poligenica e, poiché al momento non esiste un trattamento curativo, la prevenzione è fondamentale. Pertanto, sappiamo che lo sviluppo o la persistenza del sovrappeso comporta l'interazione di diversi fattori di rischio...

Disagio gastrointestinale e Perilla Frutescens

Perilla Frutescens. Il disagio gastrointestinale (GI), spesso accompagnato da gonfiore o brontolio, è un sintomo comune negli adulti altrimenti sani. Circa il 20% della popolazione, in particolare le donne, soffre di disagio gastrointestinale e questi disturbi...

Che meraviglia il cambiamento!

Ho deciso di andare in terapia una sera di primavera. Ero lì tra me e i miei pensieri e guardavo piovere affacciata alla finestra. Pioveva fuori ma anche dentro di me, io però non lo sapevo, o almeno non ne ero pienamente cosciente. Tutto ciò che riuscivo ad avvertire...

10 vitamine e minerali combattono il Covid-19. Vediamo come.

La massima autorità europea per la sicurezza alimentare, l'EFSA, ha approvato l'impatto del corretto stato nutrizionale delle vitamine (D, A, C, folato, B6 e B12) e dei minerali (zinco, ferro, selenio e rame) sulla salute del sistema immunitario

10 vitamine e minerali combattono il Covid-19. Vediamo come. L’evidenza scientifica dell’effetto benefico di questi micronutrienti sull’immunità e sulla protezione contro le malattie infettive è considerata fuori dubbio.

In questo rapporto, è stata effettuata una revisione aggiornata dell’effetto specifico di questi 10 micronutrienti sul sistema immunitario, concentrandosi sul contesto della pandemia COVID-19.

I dati nutrizionali analizzati mostrano che:

  • l’assunzione di vitamina D è piuttosto carente in tutti i paesi (in misura diversa a seconda del paese), con Spagna, Francia e Italia come paesi con l’assunzione più bassa.
  • Questo scenario si ripete nel caso del folato, ma senza raggiungere livelli di assunzione così bassi.
  • In 6/10 dei paesi analizzati si riscontra un apporto di ferro non ottimale; e vitamina C e zinco in 5/10.
  • D’altra parte, i livelli di assunzione di vitamina A sono solo subottimali in Spagna.
  • Nessuno dei paesi analizzati ha rivelato un consumo inferiore alle raccomandazioni per quanto riguarda la vitamina B12.
  • Nonostante il fatto che i dati di selenio, rame e vitamina B6 mancano per alcuni paesi, si può anche osservare un consumo non ottimale di selenio (6/7) e rame (5/7).
  • Al contrario, solo due paesi hanno assunzioni inferiori rispetto alle raccomandazioni della vitamina B6.

In questo contesto, i paesi europei più colpiti dalla pandemia mostrano una percentuale di popolazione con un apporto non ottimale di vitamine e minerali importanti per il sistema immunitario.

Pertanto, l’incidenza dell’infezione da parte del nuovo coronavirus e le morti causate da COVID-19 sono associate a uno scarso apporto alimentare di vitamine D, A e B12.

Le 10 vitamine. In questo scenario, la Spagna mostra i dati peggiori in relazione all’insufficiente assunzione di vitamina D e vitamina A, e si trova tra i primi 3 peggiori dati sulla vitamina B12, proprio quando ha la più alta incidenza di COVID-19 e il secondo in mortalità.

Inoltre, gli spagnoli potrebbero mostrare caratteristiche genetiche legate a un rischio maggiore di avere livelli circolanti più bassi di vitamine A e B12, per le quali sono carenti, e che potrebbero ulteriormente compromettere le carenze riscontrate.

Allo stesso modo, i prossimi due paesi con la più alta incidenza di COVID-19 (dopo Spagna e Belgio), Italia e Regno Unito, mostrano carenze nel consumo di vitamina D e, quindi, un rischio genetico più elevato per la sua carenza, che potrebbe anche essere correlato all’elevata percentuale di decessi rispetto ai casi COVID-19.

Pertanto, le esigenze di copertura della vitamina D sembrano svolgere un ruolo chiave nel mantenimento dell’immunità degli individui, che si rifletterebbe nel maggiore effetto della pandemia nei paesi con gravi carenze nel consumo. In questo modo, lo stato della vitamina D deve essere monitorato in popolazioni carenti ben caratterizzate per prevenire l’incidenza di COVID-19; e la sua integrazione dovrebbe essere presa in considerazione, presumibilmente in pazienti con livelli sierici carenti (cioè livelli <10 ng / mL) al fine di ridurre la morbilità della malattia e / o i tassi di mortalità.

Inoltre, una percentuale di popolazione inferiore con fabbisogno coperto di vitamina C, ferro e rame è correlata a tassi di mortalità relativa più elevati da COVID-19.

Di conseguenza, il Regno Unito presenta un’ampia percentuale di popolazione con un’assunzione non ottimale per questi tre micronutrienti; e inoltre, un maggiore rischio genetico di diminuzione dei livelli di vitamina C.

Oltre ai 10 nutrienti essenziali con prove supportate dall’EFSA sul loro ruolo nel corretto funzionamento del sistema immunitario, ci sono altri nutrienti e composti bioattivi, la cui evidenza è ancora scarsa, ma che potrebbero anche potenziare l’immunità e devono essere considerati.

A questo proposito, gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) sono un gruppo bioattivo di composti presenti negli oli di pesce, nelle alghe e in altre fonti alimentari.

Nonostante il fatto che i fattori genetici e antropometrici dovrebbero essere presi in considerazione per considerare i loro benefici, i PUFA omega-3 acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) mostrano proprietà antinfiammatorie e un’assunzione adeguata combinata di 250 mg / die sono considerati necessari per il mantenimento della salute cardiovascolare generale.

In conclusione, il rapporto EFSA considera la potenziale influenza dei 10 nutrienti essenziali, considerati critici per il corretto funzionamento del sistema immunitario, esaminando i loro potenziali effetti preventivi o di altro tipo contro COVID-19.

  • In questo contesto, vale la pena notare che i paesi con il peggior profilo di assunzione di questi micronutrienti corrispondono a quelli che hanno ricevuto il colpo più crudele dalla pandemia COVID-19.
  • I risultati di questo studio dimostrano che il consumo non ottimale di vitamina D, vitamina C, vitamina B12 e il ferro è correlato agli indicatori di incidenza o mortalità COVID-19.
  • Inoltre, le evidenze scientifiche accumulate fino ad oggi mettono in luce la rilevanza dello stato ottimale dei 10 nutrienti ma, soprattutto, sottolinea l’importanza della Vitamina D e del ferro per il sistema immunitario oltre che per la prevenzione e la lotta al COVID-19.

Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32911778/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!