NEW

Attività fisica e tempo sedentario nei bambini

L'obesità pediatrica è un problema molto serio negli Stati Uniti (e non solo!) a causa delle conseguenze negative sia a breve che a lungo termine per la salute dei bambini. I bambini obesi sono ad alto rischio di malattie come il diabete di tipo 2, le malattie...

Il latte ed il bambino

Il latte ed il bambino. Il Pediatra di famiglia assiste i suoi piccoli pazienti per 5110 giorni (dalla nascita a 14 anni) ed entra, come nessun altro medico nel cuore della famiglia. È inoltre il primo, e spesso l’unico, nutrizionista del nucleo familiare. Il pediatra...

Fattori modificabili del sovrappeso

L'eziologia dell'obesità è multifattoriale e poligenica e, poiché al momento non esiste un trattamento curativo, la prevenzione è fondamentale. Pertanto, sappiamo che lo sviluppo o la persistenza del sovrappeso comporta l'interazione di diversi fattori di rischio...

Disagio gastrointestinale e Perilla Frutescens

Perilla Frutescens. Il disagio gastrointestinale (GI), spesso accompagnato da gonfiore o brontolio, è un sintomo comune negli adulti altrimenti sani. Circa il 20% della popolazione, in particolare le donne, soffre di disagio gastrointestinale e questi disturbi...

Che meraviglia il cambiamento!

Ho deciso di andare in terapia una sera di primavera. Ero lì tra me e i miei pensieri e guardavo piovere affacciata alla finestra. Pioveva fuori ma anche dentro di me, io però non lo sapevo, o almeno non ne ero pienamente cosciente. Tutto ciò che riuscivo ad avvertire...

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino

La malattia da coronavirus (COVID-19) presenta probabilmente la più grande crisi di salute pubblica nella memoria vivente.

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino. Un aspetto sorprendente di questa pandemia è che i bambini sembrano essere infettati dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa il COVID-19, molto meno frequentemente rispetto agli adulti e, se infettati, in genere hanno sintomi lievi, sebbene i rapporti emergenti di una nuova sindrome infiammatoria multisistemica simile alla malattia di Kawasaki necessitino di una sorveglianza continua nei pazienti pediatrici.

Tuttavia, una domanda importante rimane senza risposta: in che misura i bambini sono responsabili della trasmissione di SARS-CoV-2?

Risolvere questo problema è fondamentale per prendere decisioni informate sulla salute pubblica, che vanno da come riaprire in sicurezza scuole, strutture per l’infanzia e campi estivi fino alle precauzioni necessarie per ottenere un tampone faringeo in un bambino non collaborativo.

Ad oggi, sono disponibili pochi dati pubblicati per guidare queste decisioni.

In questo articolo si riportano le dinamiche di COVID-19 all’interno di famiglie di bambini con infezione SARS-CoV-2 confermata dalla reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa a Ginevra, Svizzera.

Dal 10 marzo al 10 aprile 2020, tutti i bambini di età inferiore a 16 anni diagnosticati presso l’Ospedale universitario di Ginevra (N= 40) sono stati sottoposti a tracciamento dei contatti per identificare i contatti familiari infetti (HHC). Delle 39 famiglie valutabili, solo in 3 (8%) era un bambino il caso indice sospetto, con l’insorgenza dei sintomi precedente la malattia negli HHC adulti.

In tutte le altre famiglie, il bambino ha sviluppato sintomi dopo o in concomitanza con HHC adulti, suggerendo che il bambino non era la fonte dell’infezione e che i bambini acquisiscono più frequentemente COVID-19 dagli adulti, piuttosto che trasmetterlo a loro.

Questi risultati sono coerenti con altre indagini HHC pubblicate di recente in Cina.

Trasmissione COVID-19 e bambini. Su 68 bambini con COVID-19 confermato ricoverati al Qingdao Women’s and Children’s Hospital dal 20 gennaio al 27 febbraio 2020 e con dati epidemiologici completi, 65 (95,59%) pazienti erano HHC di adulti precedentemente infetti.

Dei 10 bambini ricoverati fuori Wuhan, in Cina, solo in 1 era possibile la trasmissione da bambino ad adulto, in base alla cronologia dei sintomi.

Allo stesso modo, la trasmissione di SARS-CoV-2 da parte di bambini al di fuori dell’ambito familiare sembra rara, sebbene le informazioni siano limitate.

In uno studio interessante dalla Francia, è stato scoperto che un bambino di 9 anni con sintomi respiratori associati a coinfezione da picornavirus, influenza A e SARS-CoV-2 ha esposto oltre 80 compagni di classe in 3 scuole; nessun contatto secondario è stato infettato, nonostante le numerose infezioni influenzali all’interno delle scuole, suggerendo un ambiente favorevole alla trasmissione del virus respiratorio.

Nel Nuovo Galles del Sud, Australia, 9 studenti e 9 membri del personale infettati da SARS-CoV-2 in 15 scuole hanno avuto stretti contatti con un totale di 735 studenti e 128 dipendenti.

Sono state identificate solo 2 infezioni secondarie, nessuna nel personale adulto; 1 studente della scuola primaria è stato potenzialmente infettato da un membro del personale e 1 studente della scuola superiore è stato potenzialmente infettato dall’esposizione a 2 compagni di scuola infetti.

Sulla base di questi dati, la trasmissione di SARS-CoV-2 nelle scuole potrebbe essere meno importante nella trasmissione comunitaria di quanto inizialmente temuto.

Questo sarebbe un altro modo in cui SARS-CoV-2 differisce drasticamente dall’influenza, per la quale la trasmissione scolastica è ben riconosciuta come un driver significativo di malattie epidemiche e costituisce la base per la maggior parte delle prove riguardanti la chiusura delle scuole come strategia di salute pubblica.

Sebbene due rapporti siano tutt’altro che definitivi, i ricercatori forniscono una rassicurazione precoce sul fatto che la trasmissione scolastica potrebbe essere un problema gestibile e la chiusura delle scuole potrebbe non essere una conclusione scontata, in particolare per i bambini in età scolare elementare che sembrano essere al livello più basso rischio di infezione.

Ulteriore supporto proviene dai modelli matematici, che rilevano che la chiusura delle scuole da sola può essere insufficiente per arrestare la diffusione dell’epidemia e avere impatti complessivi modesti rispetto a misure di allontanamento fisico più ampie a livello di comunità.

Tutti questi dati suggeriscono che i bambini non sono driver significativi della pandemia COVID-19.

Non è chiaro perché la trasmissione documentata di SARS-CoV-2 da bambini ad altri bambini o adulti sia così rara.

In 47 bambini tedeschi con infezione da COVID-19, le cariche virali nasofaringee SARS-CoV-2 erano simili a quelle di altri gruppi di età, sollevando la preoccupazione che i bambini potessero essere infettivi quanto gli adulti.

Poiché i bambini infetti da SARS-CoV-2 sono così spesso lievemente sintomatici, possono avere una tosse più debole e meno frequente, rilasciando meno particelle infettive nell’ambiente circostante. Un’altra possibilità è che, poiché le chiusure scolastiche si sono verificate nella maggior parte dei luoghi insieme o prima di diffusi ordini di allontanamento fisico, la maggior parte dei contatti stretti è stata limitata alle famiglie, riducendo le opportunità per i bambini di essere infettati nella comunità e presentarsi come casi indice.

Quasi 6 mesi dopo l’inizio della pandemia, le prove accumulate e l’esperienza collettiva sostengono che i bambini, in particolare i bambini in età scolare, sono fattori molto meno importanti della trasmissione della SARS-CoV-2 rispetto agli adulti.

Pertanto, si dovrebbe prestare seria considerazione alle strategie che consentono alle scuole di rimanere aperte, anche durante i periodi di diffusione del COVID-19.

In tal modo, potremmo ridurre al minimo i costi sociali, di sviluppo e sanitari potenzialmente profondi che i nostri bambini continueranno a subire fino a quando non sarà possibile sviluppare e distribuire un trattamento o un vaccino efficace o, in mancanza di ciò, fino a quando non raggiungeremo l’immunità di gregge.

fonte: https://pediatrics.aappublications.org/content/146/2/e2020004879

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!