NEW

Frutta

La maggior parte dei frutti ha un elevato contenuto di acqua (80-95%), di vitamine A, B, C, nonché di potassio, di calcio, di ferro e di magnesio. Il contenuto di carboidrati varia tra 13 e 23 mg% e scarso è il contenuto di lipidi. Diversi sono gli apporti calorici...

Colesterolo alto? Intanto fai questo

Il colesterolo alto è una condizione di cui preoccuparsi seriamente in quanto, specialmente in chi è più avanti con l’età. Questo può comportare diverse patologie, alcune anche gravi, come l’arteriosclerosi o diverse patologie cardiache. Cambiare stile di vita in uno...

Refezione scolastica ? Si, grazie!

In particolare in età pediatrica errori od eccessi alimentari hanno effetti non solo immediati sull’accrescimento del bambino ma anche sul “programming” endocrino-metabolico dell’individuo, condizionandolo quindi per tutta la vita. Ogni trattamento dietoterapico sarà...

Sale iodato negli alimenti? Si, grazie!

Oltre il 60% di tutto il sale venduto nel nostro Paese è iodato. I bambini di Liguria, Toscana, Marche, Lazio e Sicilia ne assumono a sufficienza con l'alimentazione. In tutte queste Regioni (ad eccezione ancora delle Marche) il gozzo in età scolare può dirsi...

Fegato grasso

Fegato grasso. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è diventata la malattia epatica più comune tra i bambini con una maggiore prevalenza tra gli obesi. La steatosi epatica non alcolica (NAFLD), un problema emergente di salute pubblica nei paesi ad alto, basso e...

Obesità infantile a scuola? Stai in piedi!

Li chiamano standing-desks, banchi di scuola fatti non per sedervisi ma… per stare in piedi e dimagrire.

È l’idea di un professore dell’università A&M di Houston, in Texas, testata già su centinaia di studenti delle scuole elementari, con lo scopo di combattere la “piaga” dell’obesità infantile.

Alcuni dati

Negli Stati Uniti tocca il 17% dei bambini fino ai 13 anni.

In Italia non siamo da meno: secondo l’ultimo rapporto dell’Oms, il tasso di obesità infantile nel Belpaese raggiunge un picco del 27% nei ragazzi tra i 6 e i 17 anni.

Nel complesso, gli italiani sovrappeso sono 3 su 10, secondi in percentuale solo agli americani.

Lo studio

Il problema ha radici sociali, è questione (anche) di cultura culinaria, ma pure di esercizio fisico.

Secondo lo studio texano, pubblicato sul Journal of Environmental Research and Public Health, gli scolari che utilizzano uno standig-desk bruciano dal 15 al 25 per cento in più di calorie al giorno.

Per i ragazzi obesi, la differenza sale al 25-30 per cento.

Abbiamo osservato inoltre che la posizione eretta aumenta notevolmente il grado di concentrazione degli studenti durante le ore di lezione” spiega il professor Mark Benden, responsabile della ricerca.

C’è solo un problema: l’affaticamento.

Benden ci sta lavorando: con il suo team ha avviato uno studio parallelo, della durata di due anni, per misurare nelle ore extra-scolastiche il livello di stanchezza degli studenti attraverso dei sensori. Per rendere accessibile il costo degli standing-desks, inoltre, sono allo studio dei modelli doppi, due banchi al costo di uno.

Chissà che, magari nella versione low-cost, non possano sbarcare presto da questa parte dell’Atlantico.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!