Latte artificiale contenente Lactobacillus Paracasei ceppo F-19.

microbiota

A cura del prof. Giorgio Pitzalis

È ben noto che l’alimentazione della prima infanzia può avere un impatto sulla salute a lungo termine. 

Lo sviluppo del microbioma intestinale è importante per garantire la corretta funzione intestinale e lo sviluppo del sistema immunitario, nonché lo sviluppo di altri organi, compreso il cervello.

Ci sono molti fattori che influenzano lo sviluppo del microbioma, compresa la dieta infantile. 
È stato dimostrato che i neonati allattati artificialmente (FF) e allattati al seno (BF) ospitano microbiomi differenti, rispetto ai neonati BF con un microbioma dominato da bifidobatteri e lattobacilli. 

L’alimentazione artificiale è stata collegata allo stress metabolico che include alterazioni metaboliche e immunitarie.

Come un aumento dell’insulina sierica unitamente con un aumento degli aminoacidi sierici, citochine e lipidi nel sangue alterati, nonché tassi di infezione più elevati durante il primo anno di vita rispetto ai neonati BF.
Inoltre, i neonati FF hanno maggiori probabilità di sviluppare obesità e disfunzione metabolica più tardi nella vita rispetto ai neonati BF.
La nutrizione della prima infanzia guida lo sviluppo del microbiota intestinale.
Contrariamente all’allattamento al seno, è stato dimostrato che l’alimentazione del latte artificiale ha un impatto sia sul microbiota intestinale che sul metaboloma del siero verso uno stato più sfavorevole. 

Cos’è il metaboloma?

Il metaboma è l’insieme di tutte le sostanze che sono in grado di partecipare ai processi di un organismo.
Tra di essi figurano sia gli intermedi metabolici (substrati necessari alle reazioni biochimiche e prodotti da esse derivati), sia ormoni ed altre molecole di segnale.
Nel gennaio 2007 è stata completata l’analisi del metaboloma umano, individuando e caratterizzando circa 2500 metaboliti, 1200 principi attivi e 3500 componenti di origine alimentare.

Si pensa che i probiotici possano alterare il microbiota intestinale e quindi creare un risultato metabolico più favorevole.
Per studiare l’impatto dell’integrazione con Lactobacillus paracasei spp. paracasei ceppo F-19 sul microbiota intestinale e sul metaboloma del siero, un gruppo di lattanti sono stati nutriti con una formula contenente L. paracaseiF19 (F19), rispetto a una coorte di neonati alimentati con la stessa formula standard senza il probiotico (SF) e un gruppo di riferimento allattato al seno (BF).
Il microbioma, così come il metaboloma del siero, sono stati confrontati tra i gruppi. 

Il consumo di L. paracasei F19 ha comportato:

  • una minore diversità comunitaria del microbioma intestinale rispetto al gruppo SF che lo ha reso più simile al gruppo BF alla fine dell’intervento (4 mesi).
  • Ha anche aumentato significativamente i lattobacilli e tendeva ad aumentare i bifidobatteri, rendendolo anche più simile al gruppo BF. Il genere dominante nel microbioma di tutti i neonati era Bifidobacterium durante tutto l’intervento, che è stato mantenuto a 12 mesi. Sebbene il metaboloma sierico del gruppo F19 fosse più simile al gruppo che riceveva l’SF rispetto al gruppo BF, sono stati osservati aumenti degli intermedi sierici del ciclo di Krebs e diminuzioni di diversi aminoacidi nel metaboloma del gruppo F19, che ha portato a un metaboloma tendente verso il gruppo BF.

Nel complesso, l’integrazione di L. paracasei F19 non ha annullato l’impatto dell’alimentazione artificiale, ma ha avuto un impatto sul microbioma e sul metaboloma del siero in un modo che può mitigare alcuni impatti metabolici sfavorevoli dell’alimentazione artificiale.
È interessante notare che, dopo l’intervento, la diversità della comunità microbica nel gruppo F19 era significativamente inferiore rispetto al gruppo SF e paragonabile al gruppo BF. 

Il latte umano contiene substrati di crescita selettivi per microbi specifici (ad esempio, oligosaccaridi del latte umano) che hanno l’ulteriore proprietà di inibire la crescita di batteri indesiderati.

Non è noto se sia l’HMO (oligosaccaridi del latte umano), il Bifidobacterium, o una combinazione dei due che sono responsabili della limitazione del tipo e del numero di microrganismi che colonizzano l’intestino infantile, ma sembrerebbe in questo caso che L. paracasei F19 abbia la capacità di alterare l’uniformità (ma non la ricchezza) del commensale batteri. 

Ciò ha senso in quanto la composizione complessiva sarebbe dettata dalla dieta (ad es. alimentazione artificiale), ma l’abbondanza relativa di ciascuna specie potrebbe essere modulata da L. paracasei F19. 

In conclusione lo studio in esame fornisce approfondimenti su come l’integrazione probiotica con L. paracasei F19 induca cambiamenti nell’utilizzo dei nutrienti dell’ospite e nel metabolismo energetico, caratterizzati da un aumento dei metaboliti del ciclo dell’acido citrico e da una riduzione dei prodotti di degradazione proteica, suggerendo uno spostamento del metabolismo più vicino ai neonati allattati al seno. 

Fonte
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9087039/

TI POTREBBERO INTERESSARE...

La dieta perfetta per combattere l'acne?

L’acne si combatte a tavola

Un problema che colpisce, in forme diverse, tra il 79 e il 95% dei giovani. La dieta perfetta per combattere l’acne? Ma una dieta ricca

tazze di latte

La sapienza di alimentare il bambino

IL CIBO E LA SUA STORIA (Prof. Giorgio Maggioni) Nel passato remoto l’unico alimento per il neonato dell’uomo è stato il latte di donna, almeno

2022 © GIUSTOPESO

REGALA LA SALUTE

Clicca qui